logo 000

LAURENZIANA BASKET Firenze  

laurenziana 

faldi news21

Trucchi per tutti By F.Faldi

Il momento del pasto è soggettivo: per alcuni è un’esperienza mistica ricca di tentazioni, per altri è poco più che una noiosa lotta con le verdure.

Il rapporto con il cibo dipende dal carattere, dalla storia, dalle abitudini e, ovviamente, dai gusti personali. Accanto a chi si emoziona per una pasta al pomodoro c’è sempre chi, pur di non mangiare, si cimenta in sculture improvvisate con la mollica del pane o coltiva orticelli di purè con la punta della forchetta.

A volte però, per un motivo o per un altro, capita di desiderare qualcosa di diverso: un paio di chili in più o qualche centimetro di pancia in meno.

Come si fa a trovare quella spinta per decidersi a cambiare? È possibile impedire alla gola di prendere il sopravvento se si considera il cibo il massimo piacere della vita? E come è possibile mangiare un pochino di più quando sembra tutto così poco interessante?

Ovviamente la determinazione è fondamentale e, purtroppo, non esiste una formula magica, l’importante è non arrendersi e giocare d’astuzia!

TRUCCHI PER MANGIARE MENO:

  • Mettere in tavola le porzioni già fatte, non i vassoi, così da non cedere alla tentazione di servirsi una seconda volta;

  • Portare la fetta di pane e non il cestino, perché avere intorno inutili tentazioni?

  • Evitare distrazioni durante il pasto (come tv, pc, telefoni, giornali, riviste). L’occhio registra le quantità che mangiamo e le comunica al cervello per attivare i segnali di sazietà, meglio restare concentrati;

  • Alzarsi a fine pasto per evitare di smangiucchiare all’infinito senza quasi rendersene conto;

  • Masticare bene e fare piccoli bocconi, così da aiutare la digestione e avvertire il senso di sazietà. Servono 20-30 minuti perché il cibo raggiunga lo stomaco e poi l'intestino, ed è proprio questo il tempo necessario ad inviare i segnali chimici al cervello e comunicargli che s è sazi;

  • Usare piatti piccoli, poiché il vuoto del piatto grande potrebbe generare insoddisfazione;

  • Fare la spesa dopo aver mangiato e usando una lista;

  • Tenere cibi pericolosi in punti poco accessibili, sperando che la pigrizia faccia la sua parte;

  • Assecondare le sensazioni e ogni tanto rompere le regole. Se ci va un cioccolatino scegliamolo fondente, ma non obblighiamoci alla solita mela, finiremo per mangiare 3 mele…e 1 cioccolatino!

  • Non darsi dei limiti troppo restrittivi, proibirsi totalmente di qualcosa alla lunga potrebbe portare a indulgere nei cibi proibiti in modo smodato e senza alcun controllo;

  • Lavarsi i denti subito dopo i pasti! Quando si ha la bocca profumata e pulita, si desidera mantenere quella piacevole sensazione di freschezza;

  • In occasioni come feste o buffet è preferibile dare un rapido sguardo al tavolo imbandito e decidere prima cosa si metterà nel piatto, poi cominciare a servirsi;

  • Resistere 10 minuti alla tentazione del fuori pasto. Spesso la voglia di cibo è solo temporanea, cercare di distrarsi per almeno 10-20 minuti con un'attività a scelta prima di cedere alla tentazione;

  • Masticare una gomma può distrarre la mente dalla sensazione di fame e convincere il cervello che si sta realmente mangiando; in alternativa sorseggiare un tè o una tisana o succhiare lentamente una mentina senza zucchero.

TRUCCHI PER MANGIARE DI PIU’:

  • Usare piatti grandi e non riempirli del tutto. Si può sempre aggiungere altro cibo dopo, l’importante è non spaventarsi di fronte a un piatto completamente pieno;

  • Evitare bevande gassate, ingombrerebbero lo stomaco inutilmente;

  • Bere lontano dai pasti per contrastare il senso di sazietà precoce e il gonfiore addominale;

  • Preferire alimenti poco voluminosi e ricchi di energia;

  • Tostare il pane per renderlo più digeribile e meno ingombrante, eventualmente aggiungere un po’ di olio di oliva per aumentarne l’appetibilità e l’apporto calorico;

  • Fare 2-3 spuntini e 3 pasti principali: anche se in molti credono che mangiare spesso consente di "accelerare" il metabolismo, non ci sono studi scientifici che confermano questa ipotesi;

  • Evitare di mangiare in luoghi troppo rumorosi o con odori forti o particolari, un ambiente rilassante è l’ideale per godersi il pasto;

  • Quando non si può mangiare è utile bere, non bibite gassate, ma succhi o frullati preparati con frutta fresca, yogurt o latte intero e mandorle o pinoli ammorbiditi e tritati;

  • Preferire gli spaghetti alla pasta corta, perché hanno una resa minore e se ne riesce a mangiare di più;

  • Laddove possibile, fortificare gli alimenti graditi con cibi altamente calorici e dal volume ridotto (ad es. olio, parmigiano, latte, burro, maionese, frutta secca e a guscio);

  • Evitare discussioni a proposito del cibo e evitare di parlare di cibo a tavola.

  • Preparare il cibo o essere informati su cosa verrà servito prima di sedersi a tavola, così da non farsi cogliere dall’ansia di fronte a piatti nuovi o insoliti;

  • Variare spesso la qualità degli alimenti;

  • Fare piccoli passi alla volta, non scoraggiarsi e non impuntarsi su risultati immediati.

 

Calendario Partite

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Guida Compilazione Referto

Mailing List

Guida Referto Minibasket

Merchandising

cortedeineri

 Boscherini Lorenzo 2016

boscherini

citti 

 

 

 

 

 

                                levanitaprofumerie         saverio parisi

EKAMANT    aperosa

 

misquipiovaccari

Le briciole di pane by F.Faldi

Martedì, 23 Maggio 2017
Il peso non è tutto by F.Faldi
Giovedì, 27 Aprile 2017
Ciocco-Pasqua by F.Faldi
Mercoledì, 05 Aprile 2017
Intollerante al lattosio? by F.Faldi
Venerdì, 24 Marzo 2017
La dieta senza.... by F.Faldi
Giovedì, 09 Marzo 2017
Un biscotto tira l'altro by F.Faldi
Mercoledì, 11 Gennaio 2017
Cosa mangio prima di giocare ? by F.Faldi
Giovedì, 08 Dicembre 2016
Acqua in bocca ! by F.Faldi
Mercoledì, 09 Novembre 2016
Idee per la merenda by F Faldi
Martedì, 25 Ottobre 2016
Il Mattino ha l'oro in bocca by F.Faldi
Martedì, 11 Ottobre 2016
L’amore per la “BUONA” cucina
Giovedì, 08 Settembre 2016
Perchè una dietista in squadra by F.Faldi