logo 000

LAURENZIANA BASKET Firenze  

laurenziana 

cristiana newsletter4

Quali obiettivi per l'atleta ?by Cristiana Conti

 

Siamo all’inizio della stagione ed è importante investire del tempo per definire gli obiettivi.

 

Avere un obiettivo è molto utile: mette in mano alla persona la capacità decisionale sugli eventi, favorisce la motivazione, definisce delle priorità, riduce lo spreco del tempo e consente il direzionamento delle energie, inoltre è fondamentale nei momenti down perché ci aiuta a rifocalizzarci.Tutto questo ci è noto, quello che invece spesso passa in secondo piano è che non è importante solo avere degli obiettivi ma sono fondamentali il modo in cui essi vengono individuati (si tratta del GOAL SETTING) e la successiva valutazione (sono stati raggiunti? Se si, attraverso quali strade e risorse? Se no, cosa è successo?).Un’idea di massima di ciò che vogliamo può sembrarci sufficiente, ma se desideriamo massimizzare il nostro potenziale non è cosi…non accontentiamoci! No al vago e al confuso, si al chiaro.

Alcuni punti chiave rispetto ad una corretta definizione degli obiettivi:

- Ricordarsi che esiste una differenza significativa tra OBIETTIVI DI RISULTATO e OBIETTIVI DI PRESTAZIONE. I primi sono legati ad un esito finale di una partita o di una stagione sportiva (es. vincere una partita) e sono importanti ma non sotto il nostro unico controllo e vanno accompagnati da quelli di prestazione; questi sono legati alle nostre competenze, maggiormente sotto il nostro controllo e connessi al miglioramento di un comportamento o di un’abilità ritenuti fondamentali per avvicinare all’obiettivo di risultato

- Piuttosto che cosa evitare o non volere, cerchiamo di preferire una definizione POSITIVA degli obiettivi: cosa vuoi raggiungere? cosa ti piacerebbe ottenere?

- Stare nel generico (es. “voglio diventare più bravo”) non ci aiuta, né nel progettare le strategie né in fase di successiva valutazione: cerchiamo di trovare OBIETTIVI SPECIFICI e STRUTTURATI (es. “voglio migliorare questo specifico aspetto in difesa”) perché sono più efficaci nel dirigere l’azione

- obiettivi troppo facili e poco incentivanti inducono demotivazione: andiamo verso OBIETTIVI STIMOLANTI e SFIDANTI IN TERMINI DI DIFFICOLTà ma comunque REALISTICAMENTE RAGGIUNGIBILI

Come sempre un fattore critico rimane il TEMPO: per fare un buon goal setting per prima cosa occorre fermarsi e ragionare con calma, considerando che questa azione avrà un impatto sull’andamento di tutta la stagione agonistica

Sostieni Laurenziana Basket

Laurenziana presentazione Stagione 2017/2018

16 Memorial G di Lorenzo 16/17 Set 17

Guida Compilazione Referto

5 Mem. Innocenti 14/15 Ott 17

Guida Referto Minibasket

cortedeineri

 

angies publevanitaprofumerie

saverio parisi

lefonticine

 Boscherini Lorenzo 2016

boscherini

 

 expomeeting

 

 sanDonato

 

 

 

                                        

 

misquipiovaccari

 

Next Holding

citti

tecnocori

planet

sidda

armonia residenzevivoli

      nrg

 

L' ANGOLO DI CRISTIANA Rubrica di Psicologia dello Sport a cura della Dott.ssa Cristiana Conti

Mercoledì, 14 Giugno 2017
La valutazione della stagione By C.Conti
Giovedì, 04 Maggio 2017
La gestione delle critiche by C.Conti
Giovedì, 30 Marzo 2017
Imparare a respirare by C.Conti
Sabato, 18 Febbraio 2017
Emozioni... dagli spalti by C.Conti
Giovedì, 29 Dicembre 2016
Il Warm Up by C.Conti
Giovedì, 03 Novembre 2016
A cosa serve la consapevolezza?
Martedì, 18 Ottobre 2016
Spogliatoio… dove mi metto?