logo 000

LAURENZIANA BASKET Firenze  

laurenziana 

cristiana12

Cosa è la “Zona Comfort” e quali aspetti ci sono da considerare? by C.Conti

 

Ogni nave in porto è sicura. Ma questo non è lo scopo per cui è stata costruita.”  W. Shed
Cosa è la “Zona Comfort” e quali aspetti ci sono da considerare?

 

----------------------------------------------

COSA ESISTE FUORI DALLA PROPRIA ZONA COMFORT?

Per un atleta è fondamentale conoscersi e fare leva sui propri punti di forza, sapere su quali personali capacità puòfare affidamento, riconoscere gli apprendimenti che si sono consolidati, agire in uno spazio che viene sentito come psicologicamente affidabile e sicuro.
Si tratta della cosiddetta “zona comfort”. Il termine fa riferimento agli indici di comfort termico, la temperatura alla quale il nostro organismo è più comodo e non sente né caldo né freddo, ma che cosa è?
È una dimensione interiore, virtuale, nella quale ci sentiamo comodi e a nostro agio, dove stress e ansia sono al minimo, sappiamo cosa generalmente aspettarci e possiamo muoverci disinvolti. La familiarità è la caratteristica principale di questo spazio emozionale e comportamentale che appartiene alla nostra vita quotidiana (non tocca unicamente l’ambito sportivo).
Ci sono alcuni aspetti da considerare:
·  avere una zona di comfort è fondamentale, ci fornisce infatti uno stato di sicurezza mentale che è molto importante. Riconoscere le sue caratteristiche, potersi muovere in essa e sapere che ci si può tornare, ci da modo di sentirci “a casa”.
·  la zona di comfort è uno spazio di partenza e non un punto di arrivo. Accanto al riconoscere la nostra zona comfort, dovremmo prendere consapevolezza anche di quanto rimanervi attaccati possa limitare la nostra realizzazione. Restare comodamente seduti nei propri spazi familiari è piacevole, comodo e rassicurante, ma è necessario che tutto questo non diventi una gabbia invisibile. Si rischia infatti di pagare un prezzo molto alto: smettere di apprendere, crescere ed espandersi. Le proprie sicurezze acquisite sono invece un’ottima base per spingersi in avanti e acquisire nuove competenze, affrontare nuove sfide e rischi, allargare il “cerchio”
·  per sviluppare nuove competenze si deve uscire da quello che si sa fare, prevedendo che “nessuno nasce imparato” e che l’errore può far parte di questo spazio di apprendimento. Finché siamo comodi le nostre prestazioni rimangono piatte, non c’è curva di apprendimento, facciamo quel che dobbiamo fare, magari lo facciamo anche bene, ma senza alcun miglioramento. Occorre spingersi più in là perché se cerchiamo di evitare sempre il disagio e l’insicurezza, restiamo inchiodati dove siamo.
· La zona comfort si può espandere Ciò che oggi ci fa sentire insicuri e sotto stress, domani potrà farci sentire assolutamente tranquilli e padroni della situazione Quando ci spingiamo fuori dalla zona di comfort, può esserci un picco nel quale apprendiamo una nuova abilità per poi abituarci nuovamente; abbiamo superato un limite e ci siamo portati al livello successivo, che a quel punto diventa parte della nostra zona di comfort: la zona di comfort si è allargata..

· Sei tu a decidere se vivere il cambiamento come un pericolo o come una possibilità Le tappe più importanti nello sviluppo di ciascuno di noi sono avvenute infatti al di fuori del territorio familiare (si pensi quando impariamo a camminare o ad andare in bici…) e questo si ripete tutta la vita, anche se con forme e sfide differenti. Crescendo corriamo il rischio di vedere nel cambiamento sempre il pericolo piuttosto che l’esplorazione delle possibilità. Confrontarsi con il nuovo significa invece espandere i propri confini, le esperienze, la conoscenza di sé: ogni cambiamento, anche piccolo, stimola attività cerebrali, sviluppando connessioni diverse tra neuroni.

Laurenziana presentazione Stagione 2017/2018

Sostieni Laurenziana Basket

16 Memorial G di Lorenzo 16/17 Set 17

Guida Compilazione Referto

5 Mem. Innocenti 14/15 Ott 17

Guida Referto Minibasket

cortedeineri

 

angies pub

 Boscherini Lorenzo 2016

boscherini

 

 

 

 

 

 

                                levanitaprofumerie         saverio parisi   

 

misquipiovaccari

 

Next Holding

citti

tecnocori

L' ANGOLO DI CRISTIANA Rubrica di Psicologia dello Sport a cura della Dott.ssa Cristiana Conti

Mercoledì, 14 Giugno 2017
La valutazione della stagione By C.Conti
Giovedì, 04 Maggio 2017
La gestione delle critiche by C.Conti
Giovedì, 30 Marzo 2017
Imparare a respirare by C.Conti
Sabato, 18 Febbraio 2017
Emozioni... dagli spalti by C.Conti
Giovedì, 29 Dicembre 2016
Il Warm Up by C.Conti
Giovedì, 03 Novembre 2016
A cosa serve la consapevolezza?
Martedì, 18 Ottobre 2016
Spogliatoio… dove mi metto?
Martedì, 04 Ottobre 2016
Quali obiettivi per l'atleta ?
Giovedì, 08 Settembre 2016
Cristiana Conti ancora con noi