logo 000

LAURENZIANA BASKET Firenze  

laurenziana 

newsletter26 C.Conti

Come lo sport agisce sul cervello by C.Conti

COME LO SPORT AGISCE SUL CERVELLO

La settimana Mondiale del cervello nasce con l’obiettivo di ampliare la conoscenza su quello che è il nostro organo più complesso e appassionante.

Oramai è assodato che il cervello è tra gli organi che più traggono beneficio dall’attività fisica: lo sport  è in grado di influenzare la qualità della nostra vita migliorando la salute e il funzionamento cerebrale in termini di efficienza, lucidità e velocità nel prendere decisioni…ma  non solo. 

Sono stati condotti numerosi studi sullo sport e il suo legame con l’attività cerebrale evidenziando come sport diversi siano in grado di attivare e sviluppare aree cerebrali differenti.

In linea più generale come impatta l’esercizio fisico sui circuiti neuronali e la funzione cognitiva?

favorisce le funzioni esecutive Le funzioni esecutive sono costituite da tre capacità utilizzate nelle strategie di problem solving: il controllo inibitorio (ovvero la capacità di non farsi distrarre da elementi non significativi mentre si sta facendo qualcosa), la memoria di lavoro e la flessibilità di risposta cognitiva (ovvero la capacità di variare i propri modi di pensare e di agire per adattarsi ai cambiamenti richiesti dall’ambiente). Tali funzioni vengono fortemente implementate dalla pratica sportiva impattando sulla capacità di ragionamento del soggetto.

- migliora le capacità mnemoniche I benefici più evidenti sono proprio a livello della memoria. Confrontate ai sedentari, le persone che svolgono una regolare attività fisica sono più brave nelle prove mnemoniche e le strumentazioni evidenziano la nascita di nuove cellule nell'ippocampo (la struttura del cervello che controlla la memoria e l'apprendimento), permettendo di immagazzinare nuove informazioni.

migliora l’attenzione Lo sport migliora la capacità di concentrazione e potenzia i meccanismi di vigilanza: aiuta sia a direzionare il focus correttamente sia a ignorare le informazioni distraenti nonché sul mantenimento temporale dell'attenzione.

ha un’azione preventiva Il regolare esercizio fisico, specie se praticato fin dall’età giovanile, agisce da fattore protettivo rispetto a forme presenili di demenza e deterioramento cognitivo (nella fascia di età tra i 30 e 65 anni la prevalenza è di circa 250 casi ogni 100.000 abitanti).

blocco del processo di invecchiamento cerebrale Molti studi evidenziano come il cervello di coloro che fanno più attività fisica subisce un restringimento minore rispetto a coloro che svolgono un livello minimo di movimento.

- combatte l’emicrania e la cefalea di tipo tensivo  L’esercizio fisico è in grado di ridurre l’intensità e la frequenza del mal di testa in maggior misura rispetto a quando si ha uno stile di vita sedentario.                                                                                                              -       

Come qualsiasi altro muscolo anche il cervello va allenato: la buona notizia è che i benefici dello sport a livello cognitivo si riscontrano già dopo qualche mese di allenamento anche nei non-atleti e in chi è sempre stato sedentario.

Calendario Partite

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

Guida Compilazione Referto

Mailing List

Guida Referto Minibasket

Merchandising

cortedeineri

 Boscherini Lorenzo 2016

boscherini

citti 

 

 

 

 

 

                                levanitaprofumerie         saverio parisi

EKAMANT    aperosa

 

misquipiovaccari