logo 000

LAURENZIANA BASKET Firenze  

laurenziana 

conti news30

L’unione fa più forza? Non sempre by C.Conti

 

Chi si occupa di gruppi è solito utilizzare un acronimo molto carino: TEAM= Together Everyone Achieves More (ovvero:

insieme tutti ottengono di più), intendendo la collaborazione come un moltiplicatore di risorse individuali.Stare in un

gruppo, infatti, può motivarci a lavorare di più di quando siamo soli.

Ma è realmente sempre cosi?

No. Ci sono dei fattori di funzionamento del gruppo che corrispondono ad una “minaccia” alla performance individuale e collettiva. La sola presenza degli altri è in grado di influenzare il nostro comportamento e se da una parte possiamo considerare processi di social faciltation (agevolazione sociale) dall’altro esistono processi di social loafing (pigrizia sociale), per cui i gruppi sono a volte meno produttivi della prestazione combinata dei loro membri quando lavorano come individui.  La “pigrizia sociale” è il fenomeno per cui le persone, quando lavorano in ungruppo, esercitano uno sforzo minore per raggiungere un obiettivo rispetto a quando lavorano da sole.  E’ anche chiamataRingelmann effect perché fu proprio l’ingegnere agricolo francese Ringelmann all’inizio del 1900 a fare le prime ricerche sul tema del lavoro di gruppoquando egli chiese a un gruppo di uomini di tirare una fune, trovò che collettivamente non tiravano forte come facevano quando ciascuno stava tirando da solo. I membri di un gruppo tendevano, cioè, ad esercitare uno sforzo minore nell’esercizio di quanto facessero da soli e questo avveniva non tanto per una scarsa coordinazione all'interno del gruppo quanto per perdite a livello motivazionale.  Anche nello sport possiamo osservare questo fenomeno, anche se chiaramente ciò non significa che tutte le persone diventino più pigre quando lavorano in team. Sostanzialmente può succedere che quando si è in gruppo il singolo individuo possa tendere a performare meno di quello che sarebbe in grado di fare e ad assumersi in campo minori responsabilità di quelle che potrebbe abitualmente assolvere. In queste circostanze ciascun individuo, facendo affidamento sulle capacità e sull’impegno altrui (specie se adibiti allo stesso compito), riduce il proprio sforzo con il risultato finale di un abbassamento globale del suo livello di prestazione e di quello del gruppo.                                                                                                                                                                  Il collettivo può risultare così deficitario alla funzionalità del singolo e ridurre l’espressione del suo potenziale. Molte delle cause della pigrizia sociale derivano dalla sensazione di un individuo che il suo sforzo non sia importante per il gruppo, ritendendo che il proprio deficit possa tranquillamente essere colmato da un compagno considerato da lui stesso più competente, in un meccanismo che però sminuisce il valore individuale.

Cosa è importante fare? Sicuramente aumentare l’importanza percepita del ruolo e del contributo individuale al prodotto di gruppo. Dare valore al lavoro del singolo, accrescere la percezione diresponsabilità personale e al contempo favorire condizioni di fiducia reciproca attraverso degli obiettivi chiari. Il contributo di ciascuno è importante per la squadra...ma solo se siamo tutti a riconoscerlo!

 

Laurenziana presentazione Stagione 2017/2018

Sostieni Laurenziana Basket

16 Memorial G di Lorenzo 16/17 Set 17

Guida Compilazione Referto

5 Mem. Innocenti 14/15 Ott 17

Guida Referto Minibasket

cortedeineri

 

angies pub

 Boscherini Lorenzo 2016

boscherini

 

 

 

 

 

 

                                levanitaprofumerie         saverio parisi   

 

misquipiovaccari

 

Next Holding

citti

tecnocori

L' ANGOLO DI CRISTIANA Rubrica di Psicologia dello Sport a cura della Dott.ssa Cristiana Conti

Mercoledì, 14 Giugno 2017
La valutazione della stagione By C.Conti
Giovedì, 04 Maggio 2017
La gestione delle critiche by C.Conti
Giovedì, 30 Marzo 2017
Imparare a respirare by C.Conti
Sabato, 18 Febbraio 2017
Emozioni... dagli spalti by C.Conti
Giovedì, 29 Dicembre 2016
Il Warm Up by C.Conti
Giovedì, 03 Novembre 2016
A cosa serve la consapevolezza?
Martedì, 18 Ottobre 2016
Spogliatoio… dove mi metto?
Martedì, 04 Ottobre 2016
Quali obiettivi per l'atleta ?
Giovedì, 08 Settembre 2016
Cristiana Conti ancora con noi