logo 000

Vision news39

ABILITA’ VISIVE E SPORT: ACUITA’ VISIVA DINAMICA, QUESTA SCONOSCIUTA 

Rubrica di sport vision a cura di Valeria Pistelli – Optometrista

 I prossimi appuntamenti della newsletter vorrei dedicarli alle abilità visive fondamentali nello sport, in particolar modo nel basket.
Quali sono e come possiamo migliorarle? Quanto influiscono sulla prestazione di gioco

 Iniziamo dalla più “semplice” e conosciuta, l’Acuità Visiva Statica (AVS).

L’AVS è il valore che normalmente viene determinato durante gli esami della vista di routine(i famosi 10/10). Esprime il potere discriminativo del sistema visivo, cioè quanto riusciamo a discriminare (distinguere) i dettagli fini degli oggetti [Adams 1966]. Viene valutata facendo leggere delle lettere di dimensioni decrescenti (o dei simboli, a seconda dell’età del soggetto) su un tabellone posto a una distanza standard e aggiungendo se necessario delle lenti correttive.

 L’acuità visiva statica è sicuramente un parametro importante, soprattutto per chi pratica sport (specialmente in sport come golf, tiro a segno, baseball), ma non è in grado di esprimere la performance visiva dell’atleta; vi sono infatti, come vedremo, molte altre abilità visive importanti (in alcuni sport anche più importanti dell’AVS) che influiscono sulla nostra visione e quindi sulle performance sportive.

Se l’Acuità visiva statica è molto conosciuta, l’Acuità Visiva Dinamica (AVD), sebbene sia fondamentale nello sport, è invece spesso ignorata. L’AVD è la capacità di discriminare i dettagli degli oggetti in movimento, diminuisce man mano che aumenta la velocità del movimento e generalmente è inferiore all’Acuità Visiva Statica.

Nel basket è necessario elaborare continuamente immagini in movimento con un costante variare del punto di vista e della velocità (si muovono gli altri giocatori, si muove la palla e mi muovo io); le immagini sono molte, si trovano in diversi punti del nostro campo visivo e si muovono con velocità e direzioni diverse. Tenere tutto sotto controllo non è facile e distinguere i particolari degli oggetti e delle persone in movimento vicino a noi richiede un’ottima AVD. Nel basket l’Acuità Visiva Dinamica è quindi molto importante, una ricerca del 1971 dimostra, ad esempio, come ci sia correlazione tra AVD e precisione nel tiro a canestro da varie posizioni del campo.

Per avere una buona AVD purtroppo non bastano i 10/10; sull’Acuità Visiva Dinamica, infatti, influiscono anche altre abilità visive, come i movimenti oculari, la percezione periferica, la memoria visiva, ecc. Queste abilità possono essere allenate contribuendo a migliorare l’Acuità Visiva Dinamica.

Come detto, un lieve abbassamento del valore delle acuità visive può determinare un peggioramento delle performance sportive; da qui nascono le necessità (per tutti) di effettuare training visuo sportivo e per chi presenta difetti visivi di correggerli anche durante la pratica sportiva. I difetti visivi possono essere corretti tramite occhiali o lenti a contatto. La scelta di utilizzare durante la pratica sportiva l’uno o l’atro metodo dipende moto dalle esigenze del soggetto…. Ma di questo parleremo la prossima volta!



 

Hard Rock Laurenziana Party

Sostieni Laurenziana Basket

Laurenziana 021090 la storia

17°Memorial G di Lorenzo 15/16 Set 18

Guida Compilazione Referto

6 Mem. Innocenti 20/21 Ott 18

Guida Referto Minibasket

Merchandising

 Logo Arno Manetti RGB 2018

cortedeineri

 lefonticine

 Acquaiolo

tt

levanitaprofumerie            logo phoops

saverio parisi

 Boscherini Lorenzo 2016

boscherini 

 sanDonato

 

 

 

                                        

 Autosas

 

misquipiovaccari

 

Next Holding

citti

tecnocori

planet

sidda

armonia residenzevivoli

      nrg

 

Rubrica di sport vision a cura di Valeria Pistelli – Optometrista